Massimo Gualberti © 2019 - Vietata la copia
Finalmarina

Finalmarina

che in passato costituiva il riferimento della rete economica della Città, ha progressivamente perduto il proprio appeal e nonostante la concentrazione di buona parte delle manifestazioni estive nelle sue piazze, fatica notevolmente a riconquistare le posizioni perdute.

L’amministrazione uscente ha ben pensato di rivitalizzare il centro storico con le 9 vetrine smerigliate della sede INPS, che saranno chiuse la sera, il Sabato, la Domenica ed i festivi.
Il deterioramento del tessuto commerciale sta lentamente, ma inesorabilmente, affossando le iniziative imprenditoriali e sempre maggiore è il numero delle attività che hanno chiuso i battenti.

Nel mentre si rimanda alla specifica parte relativa al Commercioper gli approfondimenti, è fin d’ora possibile affermare con certezza come il sostegno della rete commerciale costituirà uno degli interventi principali su cui la prossima amministrazione dovrà cimentarsi.
Il Comune dovrà intervenire sull’arredo urbano, sul decoro, sulla sicurezza e lo dovrà fare con l’impegno che ci si aspetta per uno dei Centri Storici più belli della Liguria.

Un impegno dominante dovrà riguardare la manutenzione del Lungomare Migliorini, che dovrà tornare ad essere un vero e proprio giardino ornamentale, così come lo è stato negli anni d’oro del nostro turismo. (Nella parte relativa al verde pubblico l’argomento è diffusamente trattato).
Le vie limitrofe al centro storico ne dovranno rappresentare la naturale continuità e ad esse dovrà essere dedicata uguale cura, con la progressiva manutenzione straordinaria di marciapiedi e pavimentazioni, ormai risalenti alla realizzazione dei condomini.

Ad evitare “basoli” traballanti per mesi, la pavimentazione del centro storico dovrà contare su una continua manutenzione e la stessa cura dovrà averla l’arredo urbano, lo spazzamento, la rimozione delle malerbe e la gestione della raccolta differenziata. (Si vedano gli specifici punti affrontati nel programma).
La sicurezza urbana dovrà essere utilmente incrementata, mantenendo in efficienza e potenziando la rete di videosorveglianza, intervenendo sul degrado determinato da atti vandalici, riducendo l’accattonaggio organizzato, eliminando il commercio abusivo, riportando per le strade il “Vigile del Municipio” ed organizzando un efficace coordinamento interforze con la previsione di controlli notturni e serali.

L’organizzazione di manifestazioni dovrà estendersi su tutto il centro storico, mentre dovrà essere supportato ogni intervento di miglioramento dell’arredo urbano e di allestimenti vari.
Verosimilmente la creazione di uno più Centri Integrati di Via, cui dedicare importanti risorse economiche, potrà generare il circolo virtuoso necessario a risollevare le sorti dell’importante Rione. (Sul punto si veda la diffusa trattazione sul tema nel paragrafo dedicato al Commercio).

Sarà studiata la possibilità di realizzare, in tutti i centri storici, dei servizi igienici a pagamento (anche con servizio cambio pannolini bebè), a gestione pubblica / privata. Ciò garantirà pulizia ed igiene per la Città.

La demolizione dei manufatti nelle Aree Piaggio ha ad oggi determinato la creazione di un’ampia superficie che utilmente potrà essere destinata, salvo l’accordo con la proprietà ed in via temporanea, ad area parcheggio, confidando in ogni caso come l’ingresso di Ponente alla Città possa rapidamente trovare un aspetto più decoroso e confacente alla nostra vocazione turistica, a malincuore divenuta ormai l’unica possibile per il nostro futuro.

Aiutaci e condividi questa pagina