Massimo Gualberti © 2019 - Vietata la copia

Finalborgo

Felice sintesi tra componente residenziale, turismo outdoor e turismo culturale, è ora in una fase di pericoloso disequilibrio a causa di fattori non soltanto riconducibili al “sistema” Finale Ligure. Scopo degli interventi proposti sarà quello di ricreare il giusto equilibrio di questi fattori, restituendo il senso del paese con una completa armonia tra aspetti residenziale e quelli commerciali.

Sarà studiata la possibilità di realizzare, in tutti i centri storici, dei servizi igienici a pagamento (anche con servizio cambio pannolini bebè), a gestione pubblica / privata. Ciò garantirà pulizia ed igiene per la Città.

Spazzamento e decoro

Un rione pulito e curato costituisce il primo passo per raggiungere l’obiettivo prefissato. Sarà pertanto necessario procedere con:

  • Efficace spazzamento delle vie pubbliche secondo la frequenza stabilita da un apposito piano, che dovrà essere concordato con le Associazioni locali più rappresentative.
  • Periodica pulizia di griglie, caditoie e bocche di lupo.
  • Periodico sfalcio delle malerbe su strade, piazze, aree pubbliche ed alveo dei torrenti Pora ed Aquila.
  • Derattizzazione del centro storico eseguita direttamente dall’ente;
  • Gestione più efficiente della raccolta dei rifiuti solidi urbani, in linea con le caratteristiche di uno dei Borghi più belli d’Italia: isole ecologiche esterne, miglioramento nella raccolta porta a porta presso gli esercizi pubblici e razionalizzazione del passaggio dei mezzi della nettezza urbana. Il punto verrà ampliato in una sezione dedicata.

Sarà poi importante migliorare il decoro del paese. Tra gli strumenti individuati:

  • • Accordi con le associazioni di esercenti e commercianti che potranno prevedere nuove linee guida per dehor e linee grafiche da presentare all’esterno;
  • Arredi consoni al borgo medievale, con un maggior numero di cestini portarifiuti, dotati di portamozziconi;
  • Presenza di un “Vigile del Municipio”, che possa costituire l’immediato interlocutore per i bisogni di ospiti e residenti;
  • Regolamentazione del parcheggio riservato all’area cimiteriale, con cautele tali da impedire soste abusive di campeggiatori, che utilmente potranno essere indirizzati verso idonee aree attrezzate;
  • Salvo quanto rilevato nella specifica sezione, dovrà essere assicurata una miglior gestione delle aree verdi, anche con accordi di sponsorizzazione con aziende private.

Parcheggi e viabilità

I parcheggi e la mobilità del Borgo costituiscono un altro punto fondamentale per la vita del rione:

  • Aumento dei parcheggi liberi, con aumento del numero di parcheggi riservati a residenti;
  • Ripristino dei parcheggi gratuiti per i residenti nel territorio del Comune, con eliminazione della tessera a pagamento;
  • Parcheggi convenzionati con tariffe agevolate attivabili con l’acquisto di carte prepagate;
  • Rimodulazione della viabilità della zona di porta Testa con riapertura del relativo varco di ingresso al centro storico, con orari corrispondenti a quelli di porta Reale in modo da restituire al Rione il vitale traffico del mattino ed al tempo stesso decongestionare il traffico cittadino in una fascia oraria molto sensibile. Al riguardo si renderà necessario individuare una soluzione tecnica adeguata che superi il parere contrario espresso dalla Polizia Municipale, per l’assenza di una carreggiata opportunamente delimitata;
  • Creazione di un’area destinata alla sosta taxi. Verosimilmente l’area individuata potrebbe essere quella di via delle Mura o in alternativa in zona Porta Testa.

Turismo

Due gli assi prevalenti in tema di turismo a Finalborgo:

  • Turismo outdoor;
  • Turismo lento e culturale;

Sul turismo outdoor si rimanda alla sezione specifica limitandoci in questa sede a sottolineare alcuni punti di immediato riflesso sul Rione:

  • Collegamento del Borgo con la sentieristica adiacente opportunamente tracciata e presentata, anche al fine di incentivare il turismo lento e delle famiglie;
  • Posa di opportuna segnaletica stradale in modo da creare sensi di marcia per il transito delle biciclette, dentro e fuori il centro storico.

Lo sviluppo del turismo lento è fortemente connesso con la cultura, di cui diffusamente ci siamo occupati in un’altra sezione. In particolare si renderà necessario:

  • Sospendere la vendita dei locali dell’ex Albergo Roma, potenziando le attività ricreative che già ospita e prevedendone altre come nuove realtà museali o sbocchi per le eccellenze culturali della città che faticano ad ingrandirsi, ad esempio biblioteca, mediateca, fonoteca, museo archeologico, archivio storico, fondi speciali ed anche la biblioteca della montagna Henriette d’Angeville, curata dalla sezione finalese del CAI;
  • Valorizzazione di emergenze monumentali minori, anche di proprietà privata, e di elementi architettonici di interesse. Sul punto potranno essere studiati incentivi per la manutenzione degli edifici di valore storico, con applicazione delle relative agevolazioni IMU per gli immobili vincolati;
  • Ordinaria manutenzione dell’ex collegio Aycardi ed avvio ad una destinazione d’uso compatibile con la particolarità degli spazi. Per determinare una maggiore frequentazione nel Rione al di fuori dei periodi di grande afflusso, in gran parte perduta per la progressiva chiusura degli uffici pubblici presenti, potrà valutarsi il trasferimento di Uffici Comunali. All’uopo uno studio di massima ne afferma fin d’ora l’immediata fattibilità. L’ex Archivio INPS, già perfettamente organizzato, potrà essere impiegato con la medesima destinazione;
  • Recupero degli antichi lavatoi, valorizzazione della Strada Romana e dei rifugi per il bombardamento aereo. Installazione di un sistema di videosorveglianza agli accessi della medesima;
  • Incentivi ad artigiani ed artisti per l’apertura di nuovi laboratori ed atelier nel Rione. A tale scopo potranno essere riservati gli immobili di proprietà pubblica che verranno progressivamente resi liberi;
  • Valorizzazione delle opere donate al comune dagli artisti che nel passato hanno esposto le loro opere nell’”Oratorio dei Disciplinanti” ;
  • Valorizzazione delle eccellenze agroalimentari locali, in particolare dei “Giardini” di Chinotto della Valle Aquila, della residenza dell’esimio concittadino Giorgio Gallesio e delle pregevoli iniziative da anni organizzate nel Borgo;
  • Installazione di colonnine per la ricarica di auto elettriche nell’ambito dei parcheggi dell’area di Porta Testa.

Lavori pubblici

Salvo quanto rilevato in sezioni specifiche del presente programma, dovrà essere assicurata all’intero Rione un’importante opera di manutenzione ordinaria. In particolare:

  • • Adeguamento della rete fognaria e manutenzione programmata;
  • Recupero della zona di porta Romana e di via Del Becchignolo con particolare attenzione alle aree demolite dell’ex conceria che se oggetto di intervento privato dovranno essere architettonicamente in linea con i capitolati dell’associazione “I borghi più belli d’Italia” pena la perdita dell’importante marchio che caratterizza il Rione;
  • Cura e manutenzione di Parco fontana;
  • Abbattimento aree ex concerie Maffei-Pambianco, riqualificazione del parco giochi adiacente e reperimento nuova sede per AIB in zona adeguata;
  • Restyling e miglioramento funzionale dell’importante area Via Brunenghi Via Dante tenendo conto delle nuove esigenze della città;
  • Completamento del nuovo ponte sul fiume Pora con la realizzazione di una rotatoria che permetta l’accesso diretto al Borgo, senza l’impegno della statale 490 per chi proviene dalla Provinciale per Calice Ligure. Tale lavoro, salve diverse ipotesi progettuali, sarà strettamente connesso allo spostamento della sede di Finale Ambiente;
  • Attraverso un “Accordo di programma” con la Provincia, realizzazione definitiva della rotatoria dell’uscita autostradale;
  • Potenziamento del sistema WI-FI all’interno delle mura;
  • Nuova pavimentazione in Via della Annunziata;
  • Rifacimento marciapiedi in Via Manzoni;
  • Realizzazione marciapiedi a raso nella strettoia di Via Brunenghi, tra l’intersezione con Via Manzoni e Via Fiume;

Pur se rientranti nella competenza del soggetto gestore del Servizio Idrico Integrato, l’assoluta inerzia su interventi di manutenzione straordinaria ha innescato vere e proprie bombe ad orologeria che richiederanno ogni sforzo possibile per:

  • Completamento della sostituzione delle tubazioni principali tra il campo pozzi di Via Nievo e la vasca di Via della Pineta;
  • Opere di manutenzione straordinaria della vasca di Via della Pineta;
  • Costruzione di un nuovo pozzo presso il parco giochi di Via Nievo;
  • Sostituzione tubazione principale sita tra Via Nievo e Via Arnaldi e tra Porta Testa e il Ponte nuovo sul Torrente Pora;
  • Sostituzione della tubazione tra la stazione di rilancio di Via Manzoni e la strada di Monticello, con contestuale abbassamento della stazione di rilancio per l’appoggio sulla rete bassa di Marina;
  • Sostituzione della parte residua della condotta di Via S. Michele e Via Oddone Pascale;

Eventi

Gli eventi dovranno essere coerenti con l’elevato valore della cornice del Borgo, cercando di valorizzare iniziative culturali ed artistiche di alto livello, cui il Borgo deve molto per la sua rinascita.
Il coinvolgimento di persone di valore nel campo della letteratura, della musica, del teatro e dell’artigianato potranno impreziosire l’immagine e lo stile del Rione, arricchendone il fascino. Le attività che si svolgono nel Borgo e nei suoi contenitori culturali dovranno essere sostenute, sempre garantendo la necessaria qualità delle esposizioni e degli eventi, ritornando ai livelli che in passato hanno assicurato il rilancio dell’intera Città. A tal fine risulterà utile creare una “Commissione Tecnica” che possa assicurare iniziative di alto valore culturale.

Aiutaci e condividi questa pagina