Massimo Gualberti © 2019 - Vietata la copia

Ex Concerie

All’interno delle mura del Borgo è presente un’area un tempo adibita a conceria (ormai demolita da una decina di anni), che doveva essere oggetto di un intervento di riqualificazione previsto dal PUC e che avrebbe consentito la realizzazione di abitazioni ed attività commerciali.

Dopo le opere di demolizione, per cause diverse, l’intervento è stato bloccato e l’area, posta sotto sequestro per danno ambientale, si è trasformata in un desolante vuoto urbano. Dal dissequestro l’attuale amministrazione non ha, se non in vista delle elezioni, attuato nessun tipo di intervento.

L’insostenibile degrado dell’area ed i tempi lunghi, aggravati dalla pendenza di una procedura esecutiva, richiedono oggi una riformulazione della previsione del PUC, attribuendo in modo chiaro e definito un’adeguata destinazione, che pur compatibile con i volumi preesistenti e l’edificato circostante, abbia un particolare riguardo alla pubblica utilità. Data la collocazione a ridosso delle mura del Borgo, una limitata volumetria residenziale non potrà ulteriormente trascurare l’importanza paesaggistica del recupero architettonico e urbanistico dell’area. Con la massima attenzione possibile, in termini di opere e spazi pubblici, si dovrà concordare, anche con i residenti delle aree limitrofe, una progettazione sostenibile che possa ricucire in tempi ragionevoli la ferita inferta al tessuto urbano del Borgo.

Aiutaci e condividi questa pagina